Giardino

Fiorellini lilla per abbellire il tuo giardino

fiorellini lilla

Il giardino è il biglietto da visita della casa.
È la parte che mostra subito lo stile e la personalità dei suoi abitanti per la sua posizione esterna e visibile a tutti. E le piante sono sicuramente l’elemento cardine che caratterizza il giardino.

Piante erbacee, fiori, arbusti e cespugli possono essere coltivati per abbellire il giardino e separare diverse zone, ma anche per ricoprire, o mascherare, muretti e recinzioni e svolgere così una funzione sia decorativa che pratica.

Una soluzione per arricchire il tuo giardino, creando rigogliosi cespugli e fiorite bordure, può essere quello di coltivare piante perenni.

Le piante erbacee perenni germogliano spontaneamente ogni primavera, eliminando le spese e il lavoro di ricomprare piante annuali ogni anno.

Le piante erbacee perenni hanno una vita media di circa 7 anni, offrendo così periodi di fioritura che, a seconda delle specie, possono prolungarsi per tutti i mesi dell’anno.

Inoltre, sono facili da coltivare e hanno poche esigenze di innaffiatura, e per questo sono utili anche in zone del giardino più difficili, come giardini rocciosi, zone secche o particolarmente umide.

Possono colorare anche balconi e terrazzi, coltivate in vasi o cassette.
C’è un’ampia varietà tra cui sbizzarrirsi, abbiamo scelto alcune piante ornamentali da giardino che producono fiorellini lilla.

Lillà

Non potevamo che cominciare dai fiori di lillà.

lillà fiore

Il lillà è una magnifica pianta ornamentale, molto utilizzata in occasioni di matrimoni e feste in genere.

È un arbusto a fioritura primaverile, molto profumato. Può raggiungere anche i 4 m di altezza e, coltivato in siepe, si sviluppa come piccolo albero dalla chioma folta e dai tronchi molteplici.

Ha grandi foglie a forma di cuore di colore verde chiaro e produce grandi pannocchie di piccoli fiori tubolari, che all’estremità superiore si aprono a stella. Tradizionalmente i fiori sono lilla o bianchi.

Il lillà è un arbusto ideale per abbellire il giardino e non richiede cure particolari.

  • Vuole una zona soleggiata, ma sopporta la mezz’ ombra. Non teme il freddo dell’inverno, né la calura estiva.
  • Predilige un terreno fertile, profondo, leggermente umido, preferibilmente calcareo.
  • Va innaffiato con moderazione nei mesi più afosi, ma generalmente gli è sufficiente l’acqua piovana.
  • A fine inverno può essere concimato con del concime granulare a lenta cessione.
  • Va potato in inverno per togliere le parti danneggiate o deboli. Nella bella stagione, invece, è consigliato fare frequenti cimature per facilitare la nascita di nuove gemme.

Oltre alle varietà da giardino esistono anche le varietà nane, coltivate in vaso.

  • Queste vanno innaffiate da marzo a ottobre, ogni volta che il terreno è asciutto.
  • Prima della primavera, va messo alla base della pianta un concime granulare a lenta cessione.

Lavanda

La lavanda è una pianta tipica dell’area mediterranea, particolarmente apprezzata per il profumo dei suoi fiori, utilizzati non solo a scopo decorativo, ma anche in erboristeria e in pasticceria.

lavanda fiore

In prevalenza viene coltivata in giardino, a formare siepi o larghi cespugli, ma si può coltivare anche in vaso.

Ha foglie argentee lunghe e strette, molto profumate. Tra la fine della primavera e l’estate, produce moltissimi piccoli fiorellini lilla, raggruppati in spighe.

È una pianta rustica, che cresce fino a un metro d’altezza senza particolari cure. Inoltre è un ottimo repellente per le zanzare.

  • Predilige una posizione molto soleggiata e un clima piuttosto asciutto con temperature elevate, pur sopportando condizioni climatiche avverse.
  • Cresce bene in qualsiasi terreno, purché ben drenato. Ma in generale, non ama terreni argillosi ed eccessivamente acidi e predilige un suolo calcareo.
  • Non necessita di acqua abbondante e frequente, anzi teme i ristagni d’acqua e l’eccessiva umidità. A parte il periodo dell’attecchimento, non è praticamente mai necessario innaffiare la pianta. Meglio evitare di bagnare la parte aerea, per evitare la comparsa di funghi e altre malattie legate all’umidità.
  • Periodicamente si può arricchire il terreno con una leggera concimazione, va bene anche del compost casalingo.

Si può coltivare la lavanda anche in vaso. In questo caso va tenuto presente che è una pianta a crescita rapida e può servire periodicamente una potatura per dare forma ordinata al cespuglio. Le cure anche in questo caso sono semplici.

  • Una volta acquistata la piantina dal vivaio, è necessario trapiantarlo subito in un vaso più grande e abbastanza alto.
  • Il vaso va tenuto in una posizione luminosa e lontano da ambienti umidi. Per garantire il massimo deflusso dell’acqua, sul fondo del vaso va disposto uno strato di palline di argilla espansa. Poi va riempito di terriccio morbido o a medio impasto, ricco di materia organica ben matura.
  • La pianta va innaffiata quando il terreno appare completamente asciutto, e il getto va diretto sulle radici, senza bagnare le foglie.

Campanula

La campanula è una pianta erbacea perenne che si presenta con densi ciuffi non molto alti di foglie verde scuro e piccoli fiorellini lilla, blu o bianchi, a forma di campana o stellati.

campanula fiore

Cresce molto rapidamente e il portamento varia a seconda delle specie. Vi sono quelle che si aggrappano ai tronchi di altre piante o a muretti, formando colorate bordure, ma ve ne sono anche varietà nane utilizzate come copri suolo o in abbinamento ad altre tappezzanti.

  • Non teme il freddo e preferisce una posizione soleggiata, ma si adatta anche alla mezzombra.
  • Non ha particolari esigenze in materia di terreno, ma preferisce un substrato fresco e umido, ricco di calcio e non acido, ben drenato.
  • Preferisce la siccità all’eccesso di acqua e pertanto è sufficiente innaffiarla ogni 10-15 giorni, dipende dal clima. Una volta al mese, si può aggiungere all’acqua un concime per piante da fiore, per agevolare la fioritura. Evitare di bagnare le foglie, perché alcune varietà di campanula sono soggette alla ruggine.
  • Per avere belle fioriture è necessario concimare il terreno durante il periodo vegetativo, con un concime granulare a lenta cessione.
  • Non necessita di potatura, se non una pulizia in inverno per eliminare le parti secche.

Pervinca

La pervinca è una pianta erbacea perenne sempreverde a portamento strisciante e dalle ridotte dimensioni.

pervinca fiore

Ne esistono 7 specie diverse, ma quelle generalmente coltivate sono la vinca major e la vinca minor, che differiscono per la dimensione delle foglie e dei fiori.

Le foglie crescono lungo tutto il fusto ed hanno forma ovale e colore verde scuro lucido. Produce fiorellini lilla di una particolare tonalità, detta appunto color pervinca.

Utilizzata anche nei giardini rocciosi per la sua resistenza e predilezione per i terreni aridi, forma ampi cuscini fioriti ed è ideale per creare vistosi tappeti colorati o rigogliose bordure, come anche per essere coltivate in vaso.

  • Non teme il freddo e vuole una posizione il più possibile ombreggiata, magari alla base di altre piante più alte. Esposta in pieno sole, all’arrivo del caldo, i fusti e le foglie potrebbero seccare.
  • Cresce bene in qualsiasi tipo di terreno da giardino, meglio se ben drenato, umido, ricco di humus, mediamente sciolto e piuttosto leggero.
  • Va messa a dimora a inizio primavera, lasciando 10 cm di distanza tra una piantina e l’altra, per darle agio di allargarsi liberamente e creare un perfetto effetto tappezzante.
  • Durante la stagione calda, va innaffiata più frequentemente, ma senza creare ristagni d’acqua. In autunno e in inverno basta lasciare solo umido il terreno.
  • Non ha necessità di essere concimata. Dalla primavera all’autunno, si può diluire ogni due settimane un fertilizzante liquido nell’acqua dell’innaffiatura.
  • Quando i fiori sfioriscono, va effettuata un’operazione di cimatura, per controllare lo sviluppo della pianta e stimolare la produzione di nuovi germogli.

La coltivazione in vaso è meno diffusa, perché non dà risultati estetici strabilianti.

Il periodo adatto per il rinvaso è tra gennaio e marzo.

Scegliere un terriccio acido e fertile e posizionare sul fondo del vaso dei cocci di terracotta o dell’argilla espansa, per favorire il drenaggio dell’acqua.

Il lilla nel significato dei fiori

Nel significato dei fiori i fiori lilla esprimono amore sincero e privo di interessi.

Rappresentano un sentimento vero anche nei confronti di un amico.

.