Piante appartamento

Orchidea significato e cura

Le orchidee sono monocotiledoni, ossia erbe perenni con foglie semplici a vene parallele; sono ben noti per la ricca diversità delle loro strutture floreali, mentre alcuni hanno fiori singoli, la maggior parte ha infiorescenze con più fiori disposti attorno a un gambo.

I fiori sono impollinati dagli insetti, in alcuni casi dagli uccelli, ed è normale che i fiori abbiano petali modificati in pertiche o guide per i loro impollinatori.

Le orchidee vivono in quasi tutti gli ecosistemi di tutto il mondo tranne i ghiacciai.

La maggior parte cresce come epifite su altre piante o rocce ,e ricava i nutrienti e l’acqua dall’atmosfera e dai detriti, tuttavia molte specie crescono nel terreno nelle aree forestali.

Alcuni, come le specie della sottofamiglia Vanilloideae, crescono come liane che possono raggiungere dimensioni fino a 20 m. o più di lunghezza; il minuscolo di Bulbophyllum è alto solo 3-4 mm.

Le orchidee hanno una vertiginosa serie di sindromi da impollinazione, alcune incredibilmente complesse. Circa un terzo delle specie di orchidee imita un aspetto della biologia del loro impollinatore per ingannare l’impollinatore in visita al fiore senza fornire nettare o altra ricompensa.

Ad esempio, le orchidee delle api imitano accuratamente un’ape femmina, fino all’odore, per attirare la visita maschile.

La tassonomia della famiglia delle orchidee è difficile e dinamica, perché è così grande e molte nuove specie sono descritte ogni anno; Molti studi morfologici e molecolari suddividono la famiglia in cinque sottofamiglie monofiletiche: Apostasioideae , Cypripedioideae , Epidendroideae , Orchidoideae e Vanilloideae , di cui l’ Epidendroideae è di gran lunga la più grande, contenente circa 3/5 di specie di orchidee.

Tutte le orchidee hanno ovaie inferiori che si sviluppano in una capsula con scomparti contenenti fino a milioni di semi minuti. Una pianta produce in genere 74 milioni di semi. Al fine di germinare, i semi di orchidea richiedono un’interazione simbiotica con il fungo basidiomicete specifico della specie, che entra nel seme.

Questo permette al seme di orchidea, che non ha riserve di nutrienti, di ottenere i nutrienti necessari direttamente dai funghi e di formare un proto cormo, una struttura embrionale è unica, composta da una massa di cellule che non si trovano in altre piante da fiore.

Dopo aver facilitato la germinazione, il simbionte fungino colonizzante successivamente nutre la piantina e specialmente nel caso di orchidee epifitiche e parassitarie e non fotosintetiche , l’interazione fungina persiste spesso a trasferire nutrienti e minerali all’orchidea completamente sviluppata.

Non è chiaro come i funghi traggano beneficio da questa interazione. L’orchidea apparentemente controlla e regola il tempo e il grado dell’associazione fungina, presumibilmente fornendo una ragione sufficiente hai funghi per colonizzare e riassociarsi alla pianta spesso su un ciclo stagionale.

Il carisma delle orchidee e la loro biologia hanno appassionato molti botanici oltre al pubblico in generale, e molte varietà ibride sono ampiamente coltivate;

questa passione ha ispirato intrepide raccolte e ha generato la nascita di centinaia di società e club di orchidee in tutto il mondo, generando un settore di coltivazione globale del valore di nove miliardi di dollari all’anno.

Ogni anno 3000-4000 nuovi nomi ibridi entrano nel International Orchid Register. La maggior parte delle cultivar sono tropicali o sub-tropicali.

Molte specie di orchidee sono minacciate in natura, a causa della raccolta eccessiva e del degrado dell’habitat.
Oltre a fornire un notevole interesse botanico, alcune orchidee hanno usi alimentari. La vaniglia, ad esempio, è un aroma commercialmente importante e ampiamente utilizzato estratto dai baccelli essiccati di diverse specie di genere Vanilla; la vaniglia coltivata commercialmente richiede l’impollinazione manuale del fiore, rendendo questa una delle spezie più costose del mondo.

Alcune orchidee producono tuberi commestibili; Le orchidee del deserto e della foresta australiane, ad esempio, sono storicamente mangiate dagli aborigeni. Le orchidee hanno anche origini antiche nella medicina tradizionale in molte culture, compresa la medicina cinese.

Come curare le orchidee : indicazioni generali

Per prima cosa posizionate la pianta di orchidee in una stanza soleggiata esposta a sud, avendo cura di evitare l’esposizione diretta ai raggi solari.

Fate molta attenzione a non esporle a fonti di calore diretto, perché potrebbero seccarsi le radici, che sono generalmente esposte all’aria.

Vi raccomandiamo di non innaffiare troppo la pianta, ma di bagnarla poco e spesso altrimenti le radici potrebbero marcire facilmente. Per sapere se necessita di acqua, basta toccare il terreno e vedere se è umido, se già lo è, come accade spesso in inverno, non occorre innaffiarla.

Per una corretta innaffiatura spruzzate dell’acqua con un diffusore intorno al vaso; l’ideale sarebbe usare dell’acqua piovana poiché il cloro contenuto nell’acqua di rubinetto è il peggior nemico delle orchidee.

Per innaffiare l’orchidea non si può usare un’acqua dura (con calcare, come quella del rubinetto), dovete usare un’acqua neutra (reazione di pH 7) oppure un’acqua leggermente acida.

Controllate ed assicuratevi che la pianta non sia aggredita da parassiti: per aver sempre sotto controllo la situazione, pulite accuratamente le foglie tutti i giorni, la polvere ostruisce le foglie rallentando la fotosintesi ed espone l’orchidea a un gran numero di malattie.

Come curare l’orchidea da malattie e parassiti?

Ti ritrovi ad affrontare un fastidioso fungo o un’infezione batterica??
Ti diamo alcune informazioni su come combattere questi parassiti.

1. Trattamento del fungo dell’orchidea con la cannella

Che ci crediate o no molti rimedi naturali come erbe o spezie sono ottimi per qualsiasi male. La cannella non solo ha un ottimo sapore ma anche un buon odore, la cannella è un fungicida naturale, che lo rende utile per proteggere la tua pianta da funghi e batteri dell’orchidea.

Come usarlo?

Dopo aver tagliato le foglie, lo stelo o le radici dell’orchidea, cospargere leggermente le parti con una spolverata di cannella. Puoi cospargerla sull’area che desideri trattare o immergere l’area direttamente in un po’ di cannella. Assicurati che le aree che stai spruzzando siano state inumidite per aiutare l’assimilazione della polvere.

2. Uccisione di insetti di orchidea con l’alcool

Questo comune sterilizzante utile per disinfettare le cose o per pulire le ferite e può aiutare a liberare la pianta dalle cocciniglie. Queste piccole creature bianche possono infestare la tua orchidea, covare e nascondersi in piccoli angoli e fessure, lasciandosi dietro una sostanza appiccicosa e masticando la tua pianta. Spesso l’olio per l’orticoltura o i saponi insetticidi sono raccomandati per trattare un’infestazione da cocciniglia, ma se non ne hai a portata di mano, prova l’alcool isopropilico.

Come usarlo?

Immergere un batuffolo di cotone nell’alcool e rimuovere eventuali cocciniglie che vedete. Continuare il trattamento spruzzando l’alcool sulla pianta e rimuovendo eventuali cocciniglie tratteggiate che sembrano piccole macchie gialle. Per assicurarti di aver ottenuto tutti i parassiti, presta particolare attenzione a eventuali fessure o pieghe sulla tua pianta o sul tuo vaso.

3. Combattere le infezioni delle orchidee con il collutorio antisettico

Esattamente il comune collutorio che usi per la salute della tua bocca, può aiutare a combattere le infezioni batteriche dell’orchidea e impedire agli insetti di invaderla.

Come usarlo?

Spruzzare direttamente sulla zona interessata dell’orchidea e lasciar riposare per cinque minuti. Puoi anche spruzzare l’orchidea una volta alla settimana per prevenire eventuali infestazioni di insetti. Assicurati di usare solo la versione non aromatizzata del collutorio in quanto le versioni aromatizzate contengono additivi che possono essere dannosi per la salute della tua orchidea.

Prevenire il fungo e le infezioni delle orchidee

Il fungo, le infezioni, e le infestazioni parassitarie del orchidee non sono divertenti, ma per fortuna sono facili da trattare anche con rimedi naturali come questi che ti abbiamo indicato

Orchidea significato nel linguaggio dei fiori

L’orchidea è un fiore di estrema bellezza, con petali di diverse forme a seconda della varietà. Proprio per la sua bellezza l’orchiedea ha significato fin dalla sua scoperta qualcosa legato all’amore e all’erotismo.

Leggende popolari raccontano, fin dai tempi remoti, di stregoni e fattucchiere che con questa splendido fiore preparavano elisir d’amore e di giovinezza.

Il significato dell’orchidea, nei tempi, ha subito una mutazione, ed assume caratteristiche diverse a seconda del luogo. Sappiamo che l’orchidea cresce, a parte nei luoghi estremamente freddi, in tutto il modo quindi il suo significato ha delle variazioni.

In occidente l’orchidea ha assunto un significato che si è un pò distaccato dall’erotismo e viene regalata ad una persona per la sua bellezza o alla persona amata.

In oriente, per la sua simmetria nella struttura, assume un significato di purezza e innocenza, non a caso molte volte l’orchidea viene regalata ai bambini.

Il suo significato però, grazie alle sue numerose tonalità differenti, assume delle sfumature diverse.
Ad esempio l’orchidea rosa è simbolo di amore e affetto, le orchidee nere che nella mitologicamente si pensava avessero un potere magico, sono il simbolo di autorità oppure le splendide e profumate orchidee Cattleya perfette da regalare alle donne mature.