Giardino

Le gerbere e la loro naturale bellezza

gerbere

Le gerbere sono piante da fiore molto decorative e apprezzate per la semplice eleganza dei fiori e la loro lunga durata e usate per abbellire giardini e appartamenti e anche come fiori recisi.

Hanno una forma che ricorda molto quella delle margherite, ma i petali sono più appuntiti e lunghi e i colori più accesi e brillanti, spaziando dal bianco al giallo fino alle tonalità di rosso-scuro.

Le gerbere appartengono alla famiglia delle Asteraceae e sono originarie del sud Africa, in particolare degli altopiani del Trasnvaal e del Natal. Sono state introdotte e apprezzata in Europa fin dal 1800 e devono il loro nome a Traugott Gerber, naturalista tedesco amico di Linneo.

Gerbere: caratteristiche

Le gerbere sono piante erbacee perenni.
Presentano una lunga radice rizomatosa, dalla quale si originano steli cilindrici verdi, alti dai 15 ai 40 cm a seconda delle varietà.

Le foglie basali sono rotondeggianti, mentre quelle più in alto sono grandi, lanceolate e con i margini frastagliati. Sono ricoperte da una sottile e fitta peluria bianca che le rende setose al tatto.

Le gerbere fioriscono da aprile fino a ottobre con infiorescenze a capolino con diverse sfumature e tonalità a seconda della specie: bianco, rosso, giallo, rosa, viola. Hanno la corolla semplice o doppia formata da petali lunghi e appuntiti (ligule), disposti in più file concentriche intorno a un disco centrale di solito ha colore chiaro, sul giallo, ma esistono anche varietà con disco nero.

Esistono circa cento specie del genere gerbera, ma la più diffusa e commercializzata in assoluto è la gerbera jamensonii, chiamata anche margherita del Transvaal o margherita di Barberton, a ricordare la sua provenienza.

Gerbere: significato

Le gerbere sono fiori bellissimi ma semplici e proprio per questo sono perfette per simboleggiare un sentimento genuino e sincero.
Come tutti i fiori il loro significato varia a seconda del colore.

  • Le gerbere rosse, come le rose, sono simbolo di amore e passione, ma quelle rosso scuro indicano il successo che deriva da costanza e volontà.
  • Le gerbere rosa rappresentano un’ammirazione sincera.
  • Le gerbere gialle sono perfette da regalare per esprimere la gioia di avere accanto la persona amata con tutto il cuore.
  • Le gerbere arancioni sono simbolo per eccellenza della gioia e dell’allegria, collegata anche all’amicizia e da regalare non solo a chi ci rende felici, ma anche a chi sta attraversando un momento difficile e ha bisogno di positività per risollevarsi.
  • Le gerbere viola raffigurano un’estrema timidezza.
  • Le gerbere bianche sono associate alla purezza.

Gerbere: come curarle

Le gerbere sono piante molto facili da coltivare, che si adattano bene a diverse condizioni climatiche.
Sono, perciò, adatte sia per decorare gli spazi interni, sia collocate all’aperto, laddove le temperature invernali non siano troppo rigide.

Esposizione

Le gerbere vanno collocate in una posizione molto luminosa, ma non alla luce diretta del sole.
Gradiscono una temperatura tra i 15° e i 25° e sopportano molto bene il caldo estivo, purché il terreno abbia un giusto grado di umidità. Piuttosto, non tollerano temperature al di sotto dei 5°, e, soprattutto, temono le correnti d’aria fredda.

Terreno

Le gerbere prediligono i terreni leggeri, sciolti e, soprattutto, ben drenati, per evitare i possibili ristagni idrici.
Per questo il substrato ottimale deve essere arricchito con una buona percentuale di sabbia per facilitare il drenaggio dell’acqua.

Annaffiature

Le gerbere vanno annaffiate con moderazione e solo quando il terreno è completamente asciutto, per evitare ristagni idrici, che non sono assolutamente tollerati da questa pianta.

Le innaffiature devono essere costanti, ogni 8-10 giorni, durante il periodo della fioritura, dalla primavera fino all’inizio dell’autunno, considerando sempre il grado di umidità del terreno e la temperatura.

È bene anche non bagnare le foglie, perché altrimenti la pianta potrebbe essere attaccata dall’oidio o mal bianco.

Concimazione

Durante tutto il periodo vegetativo, le gerbere hanno bisogno di un concime liquido per piante da fiore, ricco di fosforo e potassio e microelementi quali il magnesio, il ferro, il manganese, il rame, lo zinco, il boro, il molibdeno, da diluire nell’acqua delle annaffiature e somministrare ogni 15 giorni.

Per concludere

Le gerbere sono piante perenni.
Perciò è naturale che, in inverno, i fiori scompaiono, perché la pianta va in stato vegetativo.
Continua a curarla, perché rifiorirà più bella che mai in primavera.