Giardino

Idroponica o idrocultura

In cosa consiste la coltivazione idroponica o idrocultura?

L’idroponica o idrocultura sono metodi di coltivazione fuori suolo in cui la coltivazione delle piante avviene in un ambiente acquatico. Per prosperare, le piante hanno bisogno di acqua e sostanze nutritive, che sono tradizionalmente assorbite dal terreno in cui vengono coltivate. Tuttavia, se questi nutrienti possono essere forniti attraverso una soluzione ricca di sostanze nutritive applicate direttamente alla zona delle radici di una pianta, le piante possono essere coltivate senza alcun terreno.

I sistemi idroponici utilizzano soluzioni nutritive per nutrire le piante e utilizzano altri substrati per fornire supporto alle radici. Inoltre, alcuni sistemi idroponici non richiedono alcun substrato. Esistono molti metodi e varianti diversi di giardinaggio idroponico, che vanno da piccoli sistemi interni a sistemi commerciali complessi e di grandi dimensioni.

Le piante coltivate idroponicamente sono di altissima qualità, occupano meno spazio e consumano meno risorse rispetto ai metodi di coltivazione tradizionali. Tuttavia, ci sono un paio di sfide che impediscono a questo metodo di conquistare il mondo.

Coltivare piante senza terreno può sembrare un concetto di giardinaggio futuristico, ma il giardinaggio idroponico risale al VII secolo aC. Tuttavia, la popolarità e l’integrazione di massa dell’idroponica sono nuove. In realtà, è diventato così popolare, anche aziende ben note come IKEA e Amazon stanno vendendo sistemi idroponici ai consumatori. Molti sostenitori considerano anche l’utilizzo di massa dell’idroponica come futuro dell’agricoltura.

Uno dei motivi principali per cui l’idroponica è diventata così popolare è perché recenti studi sull’agricoltura idroponica hanno dimostrato di avere molti vantaggi. Le piante coltivate idroponicamente sono di altissima qualità, occupano meno spazio e consumano meno risorse rispetto ai metodi di coltivazione tradizionali. Inoltre, i metodi di coltivazione idroponica, in combinazione con il giardinaggio verticale , hanno contribuito a espandere le possibilità di giardinaggio urbano e giardinaggio indoor.

Sebbene la quantità di prodotti coltivati idroponicamente non abbia ancora superato la quantità di prodotti coltivati sul campo, sta rapidamente guadagnando terreno. Ciò è particolarmente vero in quanto sempre più consumatori stanno diventando consapevoli di dove proviene il cibo e di come è cresciuto, come è evidente nel movimento locale in crescita.

Cos’è l’agricoltura idroponica?

Sebbene l’agricoltura idroponica non sia attualmente in competizione con l’agricoltura agricola tradizionale, la sua popolarità e il suo potenziale non sono passati inosservati. I recenti progressi tecnologici, in combinazione con la consapevolezza sociale, stanno portando l’idroponica nella corrente principale. Poiché i consumatori prestano maggiore attenzione alle loro fonti alimentari, il cibo coltivato idroponicamente ha un nuovo potenziale per diventare un legittimo concorrente con colture convenzionali.

Ad esempio, alcune aziende negli stati uniti coltivano cibo in modo idroponico direttamente sui tetti dei supermercati.

Ciò riduce i costi di trasporto e sfrutta la luce naturale disponibile. Quindi, vendendo direttamente ai mercati in cui i prodotti vengono coltivati, i loro alimenti idroponici possono essere valutati a prezzi competitivi rispetto ai prodotti tradizionali coltivati in campo.

Oltre a essere in grado di produrre prodotti migliori in modo competitivo, molti sviluppatori urbani vedono l’idroponica come un modo per migliorare notevolmente la vita delle persone che vivono in aree densamente popolate.

Una potenziale applicazione commerciale della coltura idroponica, in particolare nelle aree urbane densamente popolate, sono le fattorie verticali che invece di coltivare il cibo orizzontalmente su grandi quantità di acri, producono cibo in strati sovrapposti verticalmente con questo sistema.

Nelle aree urbane, dove i terreni agricoli non sono disponibili, le fattorie verticali possono fornire una grande quantità consistente di cibo. Inoltre, le fattorie verticali e le grandi aziende agricole idroponiche in generale vengono ora utilizzate per fornire cibo per aree che soffrono di condizioni meteorologiche estreme, come aree desertiche o artiche.

Come funziona un sistema idroponico?

Sebbene esistano molti tipi diversi di sistemi idroponici, tutti funzionano con gli stessi metodi di base. Innanzitutto, i sistemi di coltivazione idroponica consentono alle radici delle piante di entrare in contatto diretto con i nutrienti e l’ossigeno, che sono entrambi essenziali per la crescita delle piante, senza utilizzare il suolo.

Al posto del suolo, alcuni sistemi idroponici utilizzano diversi tipi di terreni in crescita, come la pietra , i ciottoli di argilla , la fibra di cocco , la vermiculite o la perlite per fornire supporto alle radici di una pianta. In altri sistemi idroponici, come quelli che incorporano l’aeroponica, non è richiesto alcun supporto di crescita.

Per quanto riguarda i nutrienti delle piante, questi vengono consegnati direttamente alle radici delle piante attraverso una soluzione ricca di sostanze nutritive a base d’acqua. Questa soluzione può essere applicata alle radici utilizzando diversi metodi. Alcuni di questi metodi includono, le radici sospese nella soluzione nutritiva, o il metodo di coltura dell’acqua profonda.

Tuttavia, nutrienti e ossigeno non sono gli unici elementi che svolgono un ruolo essenziale nella crescita delle piante. La luce , insieme ai nutrienti e all’ossigeno, deve essere disponibile per le piante da assorbire, poiché è un componente fondamentale nella fotosintesi.

Proprio come la soluzione nutritiva, è possibile fornire quantità adeguate di luce a piante coltivate idroponicamente in diversi modi. Alcuni sistemi idroponici sono aperti, basandosi sull’illuminazione naturale, mentre altri sistemi si basano sull’illuminazione artificiale per fornire alle piante un’adeguata quantità di luce.

Perché l’idroponica è così popolare per il giardinaggio indoor in particolare?

Coltivare piante in casa con l’idroponica consente ai giardinieri di creare un giardino nella loro casa anche se hanno una quantità limitata di spazio. Oltre ad essere in grado di coltivare le piante in una piccola quantità di spazio, il giardinaggio idroponico indoor ha diversi vantaggi.

Un vantaggio particolarmente pratico è che il giardinaggio idroponico è molto meno disordinato rispetto al giardinaggio del suolo . Inoltre, i giardini interni possono essere una fonte sostenibile di prodotti di alta qualità per tutto l’anno, a condizione che le condizioni ambientali siano mantenute ottimali.

I giardini idroponici interni hanno anche altri vantaggi secondari. Coltivando piante al chiuso, i giardinieri possono controllare molti aspetti dell’ambiente in crescita. Ciò include il controllo delle malattie delle piante e dei parassiti .

Ultimo, ma certamente non meno importante, un beneficio che non può essere spesso considerato, è che le piante coltivate in casa aiutano a pulire l’aria di diverse tossine e rilasciano ossigeno nell’ambiente interno circostante.

Idroponica: quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo moderno metodo di coltivazione?

Vantaggi:

Uno dei vantaggi più riconosciuti dell’idroponica è che gli alimenti coltivati in sistemi idroponici indoor non sono soggetti a stagioni di crescita. In effetti, il cibo coltivato in questo modo può essere prodotto tutto l’anno in molto meno tempo. Non solo le colture possono essere coltivate in ogni stagione, la resa in aziende idroponiche è doppia rispetto alla produzione di aziende agricole basate sul suolo, perché il ciclo di crescita è in costante ripresa. Il raccolto non è solo più alto, ma molti agricoltori idroponici sostengono che la qualità dei prodotti coltivati idroponicamente è molto più alta.

Le fattorie idroponiche non solo superano le produzioni tradizionali in produzione; non hanno alcuni dei principali svantaggi che derivano dall’agricoltura basata sul suolo, in particolare nel settore del consumo delle risorse. Sebbene i sistemi idroponici dipendano dall’acqua e dalle soluzioni a base di acqua per funzionare correttamente, usano circa un ventesimo della quantità di acqua utilizzata nel giardinaggio e nell’agricoltura tradizionali.

Questo perché nella maggior parte dei sistemi idroponici l’acqua viene spesso riciclata e riutilizzata, limitando la quantità complessiva necessaria. Inoltre, le fattorie idroponiche non producono scolo. Nell’agricoltura tradizionale, lo scolo può portare al degrado dell’ambiente circostante. Tuttavia, con le fattorie idroponiche, l’acqua può essere riutilizzata più volte.

Oltre a utilizzare molta meno acqua, le fattorie idroponiche non richiedono la stessa quantità di manutenzione delle fattorie tradizionali. Ad esempio, i sistemi idroponici non richiedono sempre pesticidi perché le piante idroponiche sono coltivate in ambienti controllati e quindi non sono sensibili a malattie , parassiti o funghi .

Anche le fattorie idroponiche richiedono molto meno lavoro rispetto alle fattorie tradizionali perché sono in spazi compatti, spesso a livelli di altezza della vita. Pertanto, la raccolta e il reimpianto sono molto più semplici con i sistemi idroponici (non è necessario scavare ), rendendo minima la manutenzione generale dei sistemi idroponici.

Svantaggi:

Sebbene i vantaggi dell’agricoltura idroponica superino di gran lunga quelli dell’agricoltura tradizionale, gli svantaggi hanno impedito che l’agricoltura idroponica venisse implementata su una scala più ampia. Il più grande svantaggio dei sistemi idroponici è che i costi iniziali di installazione sono molto alti.

Molti piccoli sistemi idroponici basati sulla casa possono essere costruiti in modo relativamente economico, ma le operazioni agricole su larga scala possono avere un prezzo che si traduce in milioni di dollari. Questo perché i grandi sistemi di coltivazione idroponica richiedono attrezzature e conoscenze tecniche molto più specializzate di quelle richieste nell’agricoltura tradizionale.

Le grandi fattorie idroponiche richiedono anche supervisione e monitoraggio costanti. Le quantità di soluzione nutritiva, illuminazione e ossigeno che le piante ricevono sono attentamente monitorate da specialisti. Inoltre, l’agricoltura idroponica è suscettibile a qualcosa che le aziende agricole tradizionali non sono: interruzioni di corrente. In caso di interruzione di corrente, le piante possono seccarsi e le colture possono essere perse.

Anche il consumo di energia da parte di aziende agricole idroponiche su larga scala è un problema. Molte aziende agricole idroponiche interne dipendono dall’illuminazione artificiale per fornire alle piante le loro esigenze di luce invece di affidarsi esclusivamente al sole.

Tuttavia, molti coltivatori ritengono che se questi svantaggi possono essere risolti, i sistemi idroponici potrebbero essere un’alternativa economicamente sostenibile alla coltivazione tradizionale.

Quali tipi di piante posso coltivare usando l’idroponica?

Quando si tratta di piante che possono essere coltivate idroponicamente, ci sono molte opzioni diverse in quanto i giardinieri possono coltivare quasi tutto in un giardino idroponico. Verdure come lattuga, cavolo verde, rucola e bietola crescono bene nei sistemi idroponici e sono altamente raccomandate per i giardinieri idroponici per la prima volta.

Oltre a verdure a foglia verde, erbe come basilico, salvia ed erba cipollina sono perfette per piccoli sistemi idroponici in casa. Altre piante che possono essere coltivate idroponicamente con successo sono peperoni, cetrioli e pomodori:

Sebbene molti frutti e meloni diversi possano essere coltivati idroponicamente, piante come fragole e angurie richiedono un po ‘più di cura e spazio per crescere e prosperare con successo.

Inoltre, va notato che colture come piante rampicanti, mais e ortaggi a radice non sono adatte ai sistemi compatti perché non sono efficienti nello spazio.

Quali sono i diversi tipi di sistemi idroponici?

Esistono sei tipi di base di sistemi idroponici.

Sebbene tutti i sistemi idroponici differiscano per forma e dimensioni, generalmente saranno uno dei sei tipi di base o una combinazione (ibrida) di essi.

Questi sei tipi fondamentali di sistemi sono sistemi di stoppino, sistemi di coltura di acque profonde, sistemi di gocciolamento, sistemi aeroponici, sistemi di tecniche nutrienti e sistemi di flusso e riflusso (flusso e scarico).

Sistema Wick

Il tipo più semplice di sistema idroponico è il sistema dello stoppino. In questo sistema idroponico passivo, i nutrienti e l’acqua vengono spostati nella zona delle radici di una pianta da uno stoppino.

Le piante sono sospese in un substrato in crescita, come fibra di cocco o perlite, e sospese su un serbatoio di soluzione nutritiva.

Un’estremità dello stoppino è sepolta sotto i substrati in crescita mentre l’altra estremità si blocca nella soluzione nutritiva. Lo stoppino, spesso fatto con corda o fibra, assorbe la soluzione nutritiva e la consegna alle radici della pianta.

Sistema DWC

Questi sistemi attivi sono semplici, facili da costruire e facilmente gestibili. Nei sistemi DWC , le piante sono sostenute da una piattaforma e galleggiano direttamente sopra la soluzione nutritiva.

L’ossigeno viene quindi fornito attraverso una pompa d’aria e una pietra aerea, proprio come si troverebbe in un acquario.

I sistemi DWC, disponibili anche come sistemi per acque basse (SWC) , sono il sistema di elezione per la coltivazione della lattuga poiché è una pianta che ama l’acqua. Sfortunatamente, poche piante diverse dalla lattuga faranno bene in questi tipi di sistemi.

Sistema di gocciolamento

I sistemi di gocciolamento sono i sistemi idroponici più utilizzati. Questi sistemi sono simili ai sistemi di stoppino in quanto le piante sono sospese in un substrato o substrato in crescita e vengono lentamente alimentate con una soluzione nutritiva.

Tuttavia, a differenza dei sistemi di stoppini, i sistemi di gocciolamento richiedono un timer e una pompa immersi nella soluzione nutritiva. Il timer accende la pompa e la soluzione nutritiva viene gocciolata sulla zona della radice di ogni pianta attraverso una piccola linea di gocciolamento.

Inoltre, i sistemi di gocciolamento offrono la possibilità di riciclare una soluzione nutriente in eccesso che non viene assorbita dalla pianta. Ciò si ottiene consentendo a qualsiasi soluzione nutritiva non utilizzata di ritornare nel serbatoio della soluzione originale.

Sistema Aeroponico

I sistemi aeroponici sono la forma più high-tech del giardinaggio idroponico. In questi sistemi, le radici vengono sospese nell’aria sopra gli ugelli nebulizzatori e le loro radici si appannano con una soluzione nutritiva. Le piante possono essere nebulizzate in un ciclo o nebulizzate costantemente con uno spray sottile. Questi sistemi spesso richiedono molte più attrezzature di altri sistemi e non sono raccomandati per i giardinieri idroponici per la prima volta.

Sistema NFT

I sistemi NFT sono molto popolari come sistemi idroponici commerciali. In questi sistemi, le piante sono coltivate in canali lunghi che hanno una soluzione nutritiva che corre costantemente lungo il fondo del canale.

Una volta che la soluzione raggiunge la fine del canale, viene rilasciata nuovamente in un serbatoio principale e riattivata attraverso il sistema.

Come i sistemi antigoccia e i sistemi aeroponici, i sistemi NFT richiedono pompe e timer per regolare l’erogazione della soluzione nutritiva.

Sistema FD

Sebbene i sistemi di flusso e riflusso non siano così popolari come altri sistemi idroponici, sono comunque molto efficaci. In questi sistemi, le piante vengono coltivate in un vassoio riempito con un mezzo di coltura. Il vassoio viene quindi “allagato” con una soluzione nutritiva.

Dopo che il vassoio è stato allagato, la soluzione drena nuovamente in un serbatoio fino al successivo ciclo di “allagamento”. I sistemi di flusso e riflusso sono molto versatili e possono essere implementati con una varietà di substrati e substrati di crescita.

Quali sono le principali differenze tra sistemi idroponici attivi e sistemi idroponici passivi?

Generalmente, i sistemi idroponici sono caratterizzati come sistemi attivi o passivi. I sistemi attivi si basano su pompe e altri dispositivi meccanici per spostare la soluzione nutritiva alle radici di una pianta.

Questi sistemi sono anche in genere sistemi di recupero in quanto la soluzione nutritiva utilizzata viene ripetutamente ciclata attraverso il sistema.

Anche i sistemi attivi fanno molto affidamento sull’elettricità e possono essere problematici in caso di interruzione di corrente.

D’altra parte, i sistemi passivi sono spesso più facili da configurare e mantenere. Non hanno pompe o parti mobili e sono le migliori per i principianti. Nei sistemi passivi, le soluzioni nutritive vengono assorbite dal terreno di coltura e passate alle radici della pianta.

Tuttavia, uno svantaggio di questi tipi di sistemi è che hanno la tendenza a lasciare le radici di una pianta costantemente bagnate, il che vieta il flusso di ossigeno intorno alla zona della radice.

Qual è il miglior tipo di sistema idroponico?

Non esiste un unico sistema idroponico. Ogni sistema varia quando i singoli coltivatori creano sistemi che utilizzano al meglio le proprie risorse e le proprie esigenze. Il set-up e la complessità di ciascun sistema dipendono da diversi fattori.

Alcuni fattori che dovrebbero essere presi in considerazione quando si sceglie un sistema idroponico sono lo spazio disponibile, la scelta delle colture e il budget. Alcuni sistemi idroponici sono semplici e ideali per i principianti, mentre altri richiedono molto più tempo, conoscenze e risorse.

Che tipo di attrezzature e materiali sono necessari per l’idroponica?

Come ogni sistema idroponico varia, anche le forniture necessarie per ciascun sistema. La quantità di attrezzature e forniture dipende dalle dimensioni e dalla complessità di ciascun sistema. Tuttavia, ci sono forniture di base che sono richieste per ogni sistema idroponico.

In primo luogo, ogni sistema idroponico, indipendentemente dalla complessità, richiede un approvvigionamento idrico , una soluzione nutritiva e un serbatoio per contenere la soluzione. Inoltre, se i sistemi idroponici non hanno accesso alla luce solare naturale, richiederanno l’illuminazione artificiale.

Alcuni sistemi, come sistemi di stoppino, sistemi di flusso e riflusso e sistemi di gocciolamento richiedono substrati come fibra di cocco, lana di roccia o ciottoli di argilla. Altri sistemi come NFT, aeroponica e DWC non richiedono substrati per supportare le radici delle piante.

Invece, i sistemi usano vasi netti per sospendere le radici di una pianta. Inoltre, tutti i sistemi, ma i sistemi di stoppino (a seconda delle dimensioni) richiedono che la soluzione nutritiva sia aerata per fornire ossigeno alle piante. Questo si ottiene con una pompa d’aria, tubi e una pietra d’aria.

Sistemi più complessi come i sistemi aeroponici e NFT utilizzano attrezzature più specializzate come pompe e timer. I sistemi aeroponici richiedono nebulizzatori, nebulizzatori o ugelli spray che variano in base alle esigenze del singolo coltivatore.

Dove posso acquistare l’attrezzatura per avviare un sistema idroponico?

Con l’aumento della popolarità della coltivazione idroponica, anche la disponibilità delle attrezzature è cresciuta. Diversi negozi di grandi dimensioni dispongono di attrezzature idroponiche, così come i piccoli negozi specializzati al dettaglio in tutto il mondo.

Inoltre, ci sono molte risorse che possono istruire i coltivatori su come costruire i propri sistemi idroponici semplici, come i sistemi di stoppino, usando elementi comunemente disponibili. I coltivatori nuovi o principianti possono anche acquistare piccoli kit o sistemi, come sistemi aeroponici da cucina da banco o montabili a parete, che richiedono poca o nessuna conoscenza o attrezzatura.

L’idroponica può essere considerata biologica?

Sebbene l’idroponica abbia molti chiari vantaggi e svantaggi rispetto all’agricoltura basata sul suolo, c’è una domanda molto dibattuta che non ha una risposta chiara: il cibo è coltivato idroponicamente?

Innanzitutto, affinché i prodotti siano etichettati come biologici, è necessario coltivarli senza prodotti chimici sintetici o modificazioni genetiche e soddisfare altri standard stabiliti dal Dipartimento Agricoltura. Tuttavia, non è chiaro come etichettare i prodotti che non vengono coltivati senza terra. Questo perché molti agricoltori biologici sostengono che il suolo è una parte essenziale della produzione biologica.

D’altra parte, gli agricoltori idroponici sostengono che se coltivano prodotti senza prodotti chimici sintetici e pesticidi, così come i prodotti biologici a base di suolo vengono coltivati, dovrebbero essere in grado di considerare e commercializzare i loro prodotti come biologici.

Per ora, la decisione spetta agli ispettori della certificazione biologica se l’idroponica può essere considerata una vera e propria forma di giardinaggio.

Malattie

Abbiamo visto i vantaggi e gli svantaggi di una coltivazione idroponica, ma quali possono essere eventuali problemi alle piante o malattie che possono incorrere in questo tipo di coltivazione?

Uno dei problemi più frequenti in questo tipo di coltivazione è sicuramente il marciume radicale, dovuto essenzialmente ad una sbagliata temperatura dell’acqua utilizzata, difatti questa dovrebbe variare tra i 18  e i 22 gradi massimo, superare tale temperatura potrebbe portare ad una inevitabile morte della pianta attraverso appunto il marciume delle radici.

Il marciume radicale, che in genere per le piante in vaso o in terra può presentarsi quando ci sono ristagni d’acqua, nella coltivazione idroponica, come abbiamo detto, oltre ad una temperatura dell’acqua troppo alta, può essere causata da un uso eccessivo di fertilizzante o comunque un fertilizzante troppo forte che incide appunto sulle radici delle piante facendole marcire.